FORGOT YOUR DETAILS?

compartecipazione

COMPARTECIPAZIONE:Sono cresciuta con l’idea,grazie a mio padre,che la donazione fosse un dovere morale.La prima donazione fu per il mio 18° compleanno alla Fratres Mercatale V.P.;ne fui fiera poiché il dono sottintende reciprocità,un dono fatto è un dono ricevuto,unisce senza distinzioni.Il sangue è davvero estremamente democratico,non ha sesso,razza,soldi in banca.La mia opera nasce dall’idea di condivisione,donando il nostro sangue condividiamo qualcosa di nostro e lo rendiamo disponibile all’altro.Il fulcro della scultura sarà il gesto che unisce le due figure,l’una che dona il proprio aiuto per salvare l’altra,poiché nessuno si salva da solo.Sulla goccia di sangue ho collocato il “donatore” quasi ermafrodita,più piccolo dell’altro proprio a sottolineare quanto siano irrilevanti larghezza,altezza,bellezza;egli si protende verso l’altro,compartecipando al dolore altrui.Compartecipa ovvero il dolore altrui diventa il suo,lo sente nella carne nello spirito e ciò lo porta ad agire:protende il suo corpo,pur minuto,nella ricerca di salvare chi ha di fronte.Non ha paura di condividere il proprio luogo sicuro (goccia).L’uomo che cerca aiuto è più grande,atletico dell’altro poichè il sangue non ha muscoli.La questione che la scultura lascia in sospeso è:ce la farà uno solo a salvare chi ne ha bisogno attraverso la compartecipazione e con ciò con il dono del sangue,o sarà necessario lo sforzo di molti,moltissimi altri? Materiale:bronzo dorato e bronzo brunito.La donazione illumina di nuova luce e si diffonde.Dimensioni:grandezza naturale

126

625